Assunzioni insegnanti: solo il 10% al sud. Gli altri costretti a partire

doposcuolaNegli ultimi mesi, numerose sono state le proteste nel mondo didattico in merito alle nuove assunzioni del Ministero e alle destinazioni per gli insegnanti: molti di essi sostenevano, infatti, che ci fossero stati errori nell’algoritmo del Miur, per i quali molti insegnanti, con un punteggio alto, fossero stati assegnati a scuole molto lontane dalla propria città, come capita, di solito, con i docenti della fascia più bassa, ossia con minor punteggio in graduatoria.

Ebbene, la situazione, a quanto pare, è un po’ diversa: la richiesta di insegnanti è quasi tutta al nord, in cui ci sono più scuole, più attività e più laboratori.

Infatti, solo il 10% dei circa 30.000 assunti (29.720 precisamente) sono destinati al sud. Il resto dei docenti dovrà spostarsi al centro e al nord Italia.

LEGGI ANCHE
Circumvesuviana, dopo due giorni di caos si viaggia: rientrata la protesta

Inoltre, alcune cifre mostrano il netto squilibrio nel fabbisogno professionale: dei 4.000 assunti nel ruolo di maestri, nessuno di essi andrà alle scuole del sud. Tutti nella parte settentrionale del paese.

Ma le domande per l’insegnamento provengono soprattutto dal sud: questa dissonanza è la causa maggiore del malcontento generale. Con tali presupposti, pochissimi docenti riusciranno a rimanere nella propria terra. Chi vorrà insegnare, insomma, dovrà fare i conti con la valigia e improbabili trasferimenti.

Potrebbe anche interessarti