Napoli, le pubblicità provocanti dietro l’aumento degli incidenti: la storia si ripete con Belen

pubblicitàUna manna per gli occhi, una mannaia per i veicoli (e per mogli e fidanzate). A Napoli si torna a parlare di pubblicità provocanti e di incidenti autostradali che sarebbero causati proprio dalla conseguente guida distratta degli automobilisti maschi del capoluogo partenopeo. Segno che i tempi al giorno d’oggi cambiano molto velocemente, ma i gusti dei napoletani (e degli italiani) in tema di donne restano insensibili al mutare delle stagioni: fisico da modella, posa sensuale, lingerie e il gioco è fatto. Purtroppo nel 2008 come nel 2016 anche qualche sinistro di troppo.

All’epoca fu l’originale pubblicità della TTT Lines a suscitare scandalo tra i moralisti e i perbenisti. D’altronde Yvonne Fabris – ideatrice dell’immagine sotto accusa – pensò bene che due seni procaci e prosperosi potessero metaforicamente rappresentare i due vulcani che le navi della compagnia di trasporto marittimo napoletano univano viaggiando proprio da Napoli a Catania. Apriti cielo, e giù con tamponamenti, uscite fuoristrada e carrozzerie ammaccate. Ciononostante il cartellone pubblicitario ebbe – nemmeno tanto sorprendentemente – successo, tanto che nel 2011 fu riproposto un esperimento simile.

Proprio come sta avvenendo negli ultimi mesi, da quando l’immagine della showgirl Belen Rodríguez fa bella mostra di sé sui cartelloni che costeggiano in particolare via Marina, una della arterie senza dubbio più trafficate della città partenopea. Il fatto è che, trattandosi di pubblicità di un’azienda d’intimo, l’argentina non può che essere più nuda che vestita, immagine difficile da ignorare per l’occhio di un guidatore maschio. Cosa che appunto non avviene, con grande compiacimento della pubblicitaria e della società, ma anche con altrettanto dispiacere da parte delle compagnie assicurative (oltre che delle sempre meno rassegnate mogli e fidanzate). Nei tratti in cui la nuova sexy pubblicità campeggia – all’altezza delle torri aragonesi per esempio – infatti ancora una volta si registrano incidenti stradali in aumento. L’aggravante è che se nel 2008 sui cartelloni pubblicitari vi era una semplice commessa napoletana prestatasi per l’occasione a fare da modella, stavolta in lingerie si trova quella che probabilmente oggi può essere definita la “donna dei sogni degli italiani”, o almeno dei napoletani, stando alle ultime notizie relative ai sinistri.

Purtroppo o per fortuna – dipende dai punti di vista – queste stesse pubblicità sono, però, un importante strumento per effettuare opere di restauro di importanti monumenti cittadini, visto che sono le stesse aziende  a sovvenzionare i lavori in cambio appunto della possibilità di poter reclamizzare i loro prodotti sulle facciate degli edifici in rifacimento.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più