Trecase. Matrimonio con intossicazione: ecco come si difende il ristorante

matrimonio

Il matrimonio per Giuseppe e Rosa, due giovani di Torre Annunziata, si è trasformato in un vero incubo, il motivo è un’intossicazione che ha mandato tutti in ospedale, sposi compresi.

La cerimonia è stata celebrata domenica ed il giorno dopo la maggior parte degli invitati è stata ricoverata, compresi i coniugi novelli, con Giuseppe lo sposo, che ha avuto anche uno choc anafilattico. Trasferito in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Sorrento, è ancora adesso intubato e in prognosi riservata.

Su questo episodio, l’Asl Napoli 3 Sud ha deciso di aprire un’inchiesta medica interna per capire se ci siano stati errori nella somministrazione delle cure, oppure se il farmaco sia stato assunto dal paziente consapevolmente o ignorando un’eventuale allergia.

Intanto dalla struttura ricettiva fanno sapere:Restiamo in attesa degli accertamenti dell’Asl e a disposizione degli investigatori per qualsiasi chiarimento. Così come gli sposi e gli invitati siamo davvero curiosi di capire la causa dell’intossicazione. Questo è un locale d’eccellenza, con chef e camerieri di prim’ordine. Sarebbe stato assurdo risparmiare sulla qualità e sulla sicurezza dei prodotti”.

Per i medici i sintomi accusati dai pazienti sono quelli di una salmonella o di una infezione enterobatterica. I primi sospetti erano finiti su funghi, frutti di mare e crema pasticciera, alimenti che possono essere più facilmente veicoli di infezione. Ma dai primi accertamenti si è vista una buona conservazione, dubbi sono ricaduti su eventuali brindisi o buffet prima del pranzo, a casa di parenti o in altre strutture, dato che a sentirsi male è stata quasi la metà degli invitati e non tutti.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più