Sarno, matrimonio solidale: regalano sedie a rotelle al posto delle bomboniere

sedia-a-rotelleNella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia“, devono aver pensato molto a queste parole – ancor prima di udirle sull’altare – Luigi Esposito e Valeria Schiavone, giovani sposi della città di Sarno, che nel momento probabilmente più gioioso – appunto – della loro vita hanno rivolto un pensiero sincero anche a quelli meno fortunati. E’ nata così l’idea di utilizzare il denaro necessario per acquistare le classiche bomboniere che si donano a parenti e amici a fine matrimonio per comperare invece due sedie a rotelle e un deambulatore da regalare all’ospedale “Martiri del Villa Malta”.

Le chiamano “bomboniere solidali” e rappresentano una bella moda sorta negli ultimi anni per fare del bene a chi più ne ha bisogno proprio in un periodo della propria vita in cui tutto sembra andare per il meglio, come può essere certamente quello legato alla celebrazione del proprio matrimonio.

Luigi e Valeria, noti commercianti della città salernitana, proprietari dell’Outlet Fashion Store, li hanno consegnati al primario del reparto di ortopedia, Antonio Toro, al direttore di presidio, Vincenzo Crescenzo, alla coordinatrice infermieristica, Gilda Daniele, e al medico dirigente della direzione sanitaria, Emanuela Calvanese, al termine della cerimonia svoltasi presso un noto ristorante della zona, dove hanno spiegato agli astanti i motivi del loro singolare quanto apprezzatissimo gesto: “Il nostro pensiero va ai meno fortunati, con la speranza che la bomboniera solidale possa diventare anche di moda per tutte le occasioni importanti della vita di coppia“. A riportare i fatti è Sarno Notizie.

Non si sono fatti attendere nemmeno i sentiti ringraziamenti da parte dei rappresentanti dell’ospedale intervenuti alla consegna: “Gesto encomiabile, da parte di Luigi e Valeria, – ha detto il dottor Toro – che con spirito di grande amore e solidarietà hanno pensato ai meno fortunati nel giorno delle loro nozze. A nome dell’unità operativa che dirigo li ringrazio per la donazione ricevuta ed auguro loro ogni bene.

Il gesto di grande amore di questi due giovani sposi non può che essere accolto con grande entusiasmo, soddisfazione e riconoscenza. L’idea della bomboniera solidale, nell’epoca del consumismo e del business dei matrimoni, è un gesto di grande civiltà e sensibilità che riscalda i cuori” – ha chiosato il direttore Crescenzo.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più