Luciana Littizzetto e la solita battutina sulla città di Napoli

Luciana Littizzetto

Ci risiamo. Nel corso del Festival di Sanremo sul palco dell’Ariston la città di Napoli finisce sulla bocca di Luciana Littizzetto. L’attirice, come al solito, è un vulcano di battute (se fa ridere o meno questo lo lasciamo al libero arbitrio della gente) ma finisce esplodendo una battuta poco felice sulla città partenopea.

La presentatrice stava intervistando il pallanuotista Amaurys Perez, giocatore cubano che indossa la cuffietta napoletana, e spara la battuta: “Tu sei cubano e ora giochi a Napoli, sono più buoni i sigari cubani o le Camel di contrabbando?“. Questa la frase che secondo noi, se è vero che non è offensiva nel senso stretto del termine, mette ancora una volta in vetrina i luoghi comuni e i pregiudizi che si hanno sulla nostra città.

LEGGI ANCHE
De Magistris: "Napoli è cambiata, nonostante gli uccelli del malaugurio"

Poteva dire tante cose, anche scherzare su qualche vizio di noi napoletani, non ci saremmo certamente offesi. Ma perchè parlare delle sigarette di contrabbando? Di per sè la battuta sembra poca cosa ma il continuo centellinare frasi di questo tipo in tv e sui mass media alimenta l’immagine negativa che al Nord e nel resto del mondo si ha di Napoli.

Potrebbe anche interessarti