Giugliano, al San Giuliano paura epidemia per 2 casi di meningite

San Giuliano di GiuglianoPaura e preoccupazione all’ospedale San Giuliano di Giugliano in Campania. La meningite comincia a creare timore, infatti, anche nel comune in provincia di Napoli. Tutto ciò a causa dei casi registrati durante la giornata di ieri, quando due anziani sono stati ricoverati d’urgenza presso la struttura ospedaliera con tutti i sintomi della malattia che sta diffondendo la caccia al vaccino in tutta Italia.

Di 70 anni la donna, di 65 l’uomo. La prima è giunta al pronto soccorso con febbre molto alta, tanto – una volta diagnosticata la meningite – da decidere di trasferirla direttamente all’ospedale Cotugno di Napoli, dove è tutt’ora ricoverata nel reparto infettivologico per controlli più accurati.

LEGGI ANCHE
Hepavac. Vaccino contro il tumore, primato del Pascale: decisa la data dell'inizio cure

L’uomo, invece, si trova ancora presso il nosocomio giuglianese e sembra destare minori preoccupazioni rispetto alla donna 70enne. In ogni caso sono già state avviate tutte le procedure di sicurezza stabilite in caso di meningite: controlli per coloro che ultimamente sono stati a contatto con i pazienti ed eventuale chemioprofilassi per quanti dovessero mostrare alcuni sintomi preoccupanti.

Secondo i medici del San Giuliano, comunque, i pazienti sarebbero affetti da una forma virale di meningite e non batterica, molto più pericolosa della prima.

Nel frattempo la Regione Campania prosegue con tutti i suoi mezzi a disposizione per prevenire un’eventuale epidemia tra la popolazione. Come promesso dal governatore Vincenzo De Luca, da lunedì saranno disponibili presso le Asl i vaccini in forma gratuita per i bambini sotto i 15 mesi e per i ragazzi tra i 12 e i 18 anni. Infatti coloro che non hanno mai fatto il vaccino contro la meningite e che hanno figli tra i 13 e i 15 mesi potranno recarsi all’Asl. Chi invece già ha effettuato un vaccino per la meningite e ha tra i 12 e i 18 anni potrà fare il cosiddetto “richiamo” in forma gratuita.

LEGGI ANCHE
Coronavirus: diminuite le donazioni di sangue. De Luca: "Centri trasfusionali sicuri"

Potrebbe anche interessarti