MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Teatro Cilea, comprato dal padre di Made in Sud: nasce una scuola con Lello Arena


L’ideatore e produttore del programma di successo “Made in Sud”, Nando Mormone, diventerà il direttore artistico e proprietario del Teatro Cilea di Napoli, il quarto teatro di Napoli.

Dopo il grande successo, che continua dagli anni ’90, del programma televisivo “Made in Sud”, che dal canale di Sky “Comedy Central” è sbarcato in prima serata su Rai2, Nando Mormone ora punta sul teatro. L’operazione era stata già tentata qualche anno fa per alcuni milioni di euro ma poi fallita. Oggi invece Mormone è riuscito nell’impresa.

Come si legge su La Repubblica, Mormone commenta come cambierà il Cilea con la sua direzione: “Sarà il teatro della commedia leggera di qualità, in cui nascerà la prima accademia dell’attore comico con l’aiuto di Lello Arena. Non è stato facile, i teatri privati qui passano di padre in figlio senza grossi cambiamenti. Avere un teatro era il mio sogno, vengo da lì, ed è il nostro futuro. Lo spettacolo dal vivo ha un enorme potenziale, con Made in Sud abbiamo riempito le platee italiane di giovanissimi: dopo la grande abbuffata di social e spettacoli virtuali, la gente tornerà a cercare un luogo di incontro reale, contatti veri, o almeno me lo auguro”.

Insomma l’idea è di trasformare il Teatro Cilea in una vera e propria palestra dove i giovani comici potranno “allenarsi” e confrontarsi con i grandi nome della comicità, come appunto Lello Arena che farà la prima al teatro. Ma anche i comici di “Made in Sud”e forse anche Vincenzo Salemme e Carlo Buccirosso.

Continua Mormone: “Abbiamo una grande risorsa artistica, la comicità è nel nostro dna, siamo competitivi per proposte teatrali e all’avanguardia a livello nazionale. Napoli piace e lo sviluppo può partire da qui. In passato spesso siamo stati consumati da produzioni esterne. La differenza tra Made in Sud e Gomorra è che con noi l’economia resta in città, non veniamo conquistati e consumati altrove. Dobbiamo fare squadra, non lasciamo che questa economia vada fuori”.

Potrebbe anche interessarti