Spari contro Poppella, il titolare in lacrime: “Sto male. Non è giusto, non lo merito”

Ancora spari al Rione Sanità. L’ultimo episodio risale a stamattina, intorno alle ore 7:30. Nessun ferito, per fortuna, nonostante ci fossero bambini e mamme, pronti ad accompagnare i loro figli a scuola. Una stesa in piena regola, che ha colpito la nota pasticceria Poppella. Sono stati esplosi 4 o 5 colpi di pistola contro la vetrina del locale. Il titolare dell’esercizio, Ciro, è disperato.

Come riportato da Repubblica, l’uomo è scoppiato in lacrime: “No non me lo merito. Sto male. Non è giusto” ha ripetuto disperato. Nel corso dei suoi anni di attività, ha aperto diversi locali a Napoli. Ciro, però, non ha mai dimenticato le sue origini. Infatti, lavora e vive ancora al Rione Sanità, assieme alla sua famiglia.

E’ l’ennesima stesa che testimonia l’enorme problema di quelle zone. Tante volte vi abbiamo raccontato di spari ad ogni ora del giorno, tra morti e feriti accidentali. A nulla sono servite le denunce dei residenti, circa il sistema di videosorveglianza che risulta essere ancora inefficiente, nonostante le promesse fatte dal governo diversi mesi fa.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più