Caserta: in arrivo l’amaro della Reggia, fatto con l’antica ricetta dei Borbone

Reggia di CasertaCaserta. Sta per nascere l’amaro borbonico della Reggia: una bevanda alcolica fatta con le erbe che vennero impiantate dai Borbone nel Giardino Inglese.

Verrà creata una bevanda alcolica, un amaro, composto da una miscela di erbe canfora, citronella, arancia amara, camelia, cicoria, finocchietto, bacche di mirto, ulivo, bergamotto e limoni e avrà il marchio “Reggia di Caserta”. Le erbe utilizzate saranno quelle che vennero impiantate da un giardiniere britannico, Andrew John Graefer, che arrivò a Caserta, chiamato dai regnanti borbonici, Maria Carolina e Ferdinando.

Graefer fece numerosi viaggi sulla costa salentina ed anche ad Agnano, Pozzuoli, fino in Sicilia, per trovare sempre nuove specie di erbe. Nascerà, dunque, un liquore, che avrà un sapore antico, tipicamente meridionale.

È stata avviata una manifestazione d’interesse per individuare gli operatori economici a cui affidare la licenza d’uso del marchio “Reggia di Caserta”. La funzione del marchio sarà fondamentale per permettere al consumatore di identificare subito il prodotto con l’immagine del Complesso di Vanvitelli. In questo modo la Reggia potrà costruire un rapporto di valorizzazione con il territorio. Per di più, le royalty garantiranno una entrata utile alla gestione.

Per partecipare alla manifestazione è possibile consultare il bando qui.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più