La Reggia di Caserta, il 6 e 7 aprile ospiterà il G8 delle residenze reali europee

 

Nel prossimo mese di Aprile, precisamente il 6 e 7, la città di Caserta, nella suggestiva cornice della Reggia vanvitelliana, ospiterà per la prima volta il G8 delle residenze reali europee riunite sotto la sigla dell’ Aree ( Association des Rèsidences Royales Europèennes ).

L’Incontro sarà incentrato sulla tematica ” Il turismo di massa e le regge”, al meeting saranno presenti i manager dei più grandi musei reali europei che si confronteranno per convergere su una posizione comune anche in vista dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale che si terrà nel 2018.

Il grande promotore dell’incontro nel complesso vanvitelliano è stato il direttore Mauro Felicori che per l’occasione ha lanciato la proposta al Comune di Caserta del gemellaggio con le altre città che ospitano le residenze reali europee, il manager bolognese ha dichiarato al Mattino che secondo il suo parere “dal gemellaggio potrebbero venir fuori tanti progetti, a partire dagli scambi scolastici, consentendo i giovani del territorio di aprirsi a nuove realtà e portando in giro per l’Europa il nome di Caserta legato alla cultura– conclude Felicori con la ferma convinzione che – fare networking a livello europeo è decisivo”.

La due giorni prevede, nelle pause del meeting anche uno spazio riservato alla promozione di prodotti tipici Casertano, in primis la mozzarella di bufala campana Dop. Si punta con questo evento alla piena introduzione del brand ”Reggia” nella rosa ristretta dei nomi di grossa attrattiva del turismo europeo, nella convinzione che l’industria culturale possa rappresentare una chiave di volta per tutto il rilancio del territorio casertano e i suoi tanti tesori, culturali ed enogastronomici.

Una prospettiva ambiziosa che, per diventare realtà necessita, per forza di cose, degli sforzi paralleli di tutto l’apparato industriale ed istituzionale della provincia casertana, che in più di un’occasione, purtroppo, hanno palesato risultati mediocri al di là dei proclami trionfalistici di partenza.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più