Gigi D’Alessio: “Il flop non è colpa mia, mi avevano chiesto di salvare Made in Sud”

NapoliGigi D’Alessio è stato accusato ripetutamente del presunto flop di Made in Sud di quest’anno. Un calo di ascolti ed interesse dovuto, stando ai detrattori, ad una avversione del solito pubblico al cambio nella conduzione che ha visto il cantante sostituire i comici Gigi e Ros. In un’intervista radiofonica a “La Radiazza”, programma di Gianni Simioli su Radio Marte, D’Alessio ha dato la sua versione dei fatti ed ha risposto alle critiche.

“Io vorrei solo chiarire un po’ di cose, altrimenti sembra che ogni cosa sia colpa mia. Sono stato chiamato dalla Rai perché il programma lo stavano chiudendo, questo è l’ultimo anno di contratto. Io onestamente dissi non sono comico o presentatore, ho detto che avrei potuto solo cantare e invitare degli ospiti e cercare di diversificare. Mi hanno dato carta bianca, ma io sono un semplice marinaio che si è aggiunto alla ciurma. Non posso essere accusato di un flop io che faccio 10 minuti in un programma di tre ore.”

“Io sono contento di aver partecipato a Made in Sud, – conclude il cantante – abbiamo le ultime tre puntate, abbiamo fatto dei momenti musicali, momenti di ricordo, menomale che il pubblico sta dalla mia parte, perché davanti alla Reggia di Caserta c’erano 300mila persone a cantare con me. Il pubblico è intelligente per capire che su di me scrivono molte sciocchezze”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più