Aversa, arrestato terrorista: forniva armi dopo gli attentati dell’11 settembre

È stato arrestato oggi, ad Aversa, Kamal Guendoz, un algerino accusato di fornire armi ai gruppi di integralisti scovati dopo l’attentato dell’11 settembre 2001 alle Torri Gemelle.

Secondo quanto riporta Il Mattino, la pena imposta all’algerino è di cinque anni con l’accusa di associazione per delinquere con finalità di terrorismo internazionale. Il processo, durato 15 anni, ha portato all’arresto di Kamal durante l’operazione Half Moon iniziata dopo l’attentato a New York dell’11 settembre. Ora si trova nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: avrebbe fatto parte di una cellula terroristica attiva tra Caserta e Napoli.

All’epoca le indagini – condotte dalla Procura di Napoli – si concentrarono su una rete di supporto logistico al Fronte Islamico di Salvezza algerino, attiva tra le provincie di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano. La rete pare si occupasse di trovare armi da utilizzare per gli attentati terroristici. Inoltre è emerso dalle indagini che fornivano documenti falsi agli integralisti che dovevano lasciare l’Algeria o extracomunitari che si trovavano già in Europa.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più