Franceschini in visita a Napoli: “Il quartiere Sanità insegna all’Italia”

Il ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, ha fatto visita a Napoli nella giornata odierna, con varie tappe sparse per la città. Significative le sue parole sul quartiere Sanità (“la sua realtà insegna al resto d’Italia”), ma sono anche altre le sue dichiarazioni rilasciate dopo la visita nelle catacombe di San Gennaro, insieme con la Fondazione San Gennaro: “Un recupero da parte della società civile da imitare – le parole riportate da Il Mattino- Hanno preso un luogo, l’hanno recuperato restituito alla cittadinanza, ai turisti. Oggi questo luogo dà lavoro al quartiere e ha reso orgoglioso tutto il quartiere. È veramente una bella operazione culturale e civile. Una esperienza importante che si può ripetere”.

Franceschini, però, ha parlato anche del boom dei musei di Napoli, tra cui quello di Capodimonte: “Il piano per la riqualificazione di Capodimonte è molto bello, abbiamo già sostenuto il sito con 40 milioni di euro, ma naturalmente i progetti ambiziosi obbligano il ministro a cercare altre risorse Prima della riforma, quando sono arrivato, il paradosso era che il museo e il parco erano competenza di due soprintendenze diverse che non andavano neanche d’accordo. Ora abbiamo il Museo autonomo, il direttore Bellenger sta mettendoci entusiasmo ed esperienza internazionale, integrando le collezioni del Museo con le potenzialità infinite del parco e delle decine di edifici storici che possono essere usati per scopi culturali e museali. Si vede camminando per il parco e si vede con la mostra di Picasso che sta portando grandi numeri”.

Più investimenti, più visite, più guadagni, e così via. La cultura è un circolo e quando la si promuove i frutti si raccolgono: “I musei hanno guadagnato sette milioni e mezzo di visitatori in tre anni e nel 2017 andranno meglio ancora. I risultati sono positivi in tutta Italia, con situazioni diverse tra loro ma complessivamente c’è un risultato molto positivo”.

Potrebbe anche interessarti