Happy Dolphin: la risposta napoletana alla Blue Whale per raggiungere la felicità

Dopo la Pink Whale e la Happy Whale nasce Happy Dolphin dall’idea di due dottoresse napoletane in risposta al terribile “gioco” che porta al suicidio, il Blue Whale.

Il delfino felice ha l’obiettivo di rendere felici, farti star bene con te stesso e con gli altri, attraverso lo sviluppo di autostima, benessere, relazioni sociali e autoefficacia. L’idea arriva da due psicologhe napoletane, Ilaria Riviera e Roberta de Angelis.

Il gioco dura 30 giorni in cui si seguono 30 step per raggiungere la felicità: “Si seguono delle regole quotidiane, si affrontano delle sfide con te stesso. Si tratta di mettere in atto dei semplici, ma fondamentali comportamenti, in modo regolare e costante. Lo scopo è quello di far accrescere il tuo senso di efficacia, farti vedere il lato positivo di una situazione difficile, aumentare il livello di serotonina (l’ormone della felicità), imparare ad accettare i tuoi limiti, focalizzarti sulle tue risorse e punti di forza”.

La prima regola è quella si scriversi sul braccio “#iovalgo” e postare la foto sui canali social, la seconda fare una lista delle cose in cui ci si sente bravi, le altre regole verranno poi svelate successivamente

Basta iscriversi ed ogni giorno, arriverà una mail con la regola del giorno. Bisogna munirsi soltanto di entusiasmo e forza di volontà.
Il gioco è totalmente gratuito, perché l’obiettivo delle dottoresse è di diffondere una cultura psicologica del benessere e di far in modo che tutti possano usufruirne.

“Possono giocarci sia gli adolescenti che gli adulti. Possono giocarci i genitori insieme ai propri figli o gli amici per sfidarsi tra di loro. Va bene per tutti perché si tratta di regole semplici, ma ricche di significato, che portano allo sviluppo di un approccio positivo e propositivo alla vita! Se fatte con costanza, accrescono il benessere e portano alla felicità!”, scrivono le psicologhe sul sito dell’iniziativa.

Per trovare tutte le informazioni su Happy Dolphin basta cliccare qui.

Potrebbe anche interessarti