Loading...

Terra dei Fuochi: si potranno segnalare gli incendi attraverso WhatsApp

Terra dei FuochiAnche tramite i mezzi, offerti oggi nell’ era del web 2.0, si potrà combattere il fenomeno dei roghi nella Terra dei Fuochi:I cittadini potranno segnalare tramite WhatsApp aree adibite a discarica, un incendio o un principio di incendio, direttamente a una delle centrali operative che andiamo ad attivare”.

Ieri, infatti, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha presentato il nuovo piano di riqualificazione della Terra dei Fuochi, attraverso varie misure, tra cui questa delle segnalazioni da parte dei cittadini, che potranno essere partecipi nella lotta alle discariche abusive e agli incendi.

Il piano prevede inoltre: “L’apertura di 4 centri interforze a Marcianise, Mondragone, Giugliano e Massa di Somma, la riqualificazione dei siti regionali, oggetto di sversamenti abusivi, l’apertura di discariche dedicate ai rifiuti speciali e scarti industriali, l’avvio della gara per l’acquisto di droni per il controllo dall’alto del territorio.

“Con questo Piano stiamo dando una risposta importante – ha aggiunto il presidente De Luca – che, unita all’azione di monitoraggio e controllo, già in atto da un anno e mezzo da parte dell’Istituto Zooprofilattico e ai lavori di ripristino del Registro Tumori della regione, ci consente di presentare un quadro di un’organizzazione efficiente di prevenzione, contrasto e cura rispetto a problemi sanitari e ambientali che hanno maggiormente screditato negli anni scorsi la nostra regione”.

Intanto un dato positivo emerge dai dati relativi ai roghi nella provincia di Napoli e Caserta che dal 2012 ad oggi registrano una diminuzione del 60%.

“Anche da questo punto di vista ci attestiamo tra le prime regioni d’Italia, con questo Piano anti roghi ci auguriamo di ridurli a zero. Siamo la regione più controllata e monitorata d’Italia non solo per l’attivazione del Registro Tumori ma anche per l’indagine in corso per verificare gli effetti degli inquinanti atmosferici sul genoma dei soggetti adulti e giovani. Quindi davvero un lavoro gigantesco. Avremo bisogno di tempo per arrivare a risultati significativi ma mi pare che stiamo affrontando in maniera definitiva il problema”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più