Napoli, cambiano i nomi di alcune strade: saranno dedicate a vittime di camorra

Napoli. Una strada intitolata a Simonetta Lamberti, a 11 anni uccisa dalla camorra in un agguato destinato al padre, il giudice Alfonso Lamberti, procuratore di Sala Consilina. Lo ha deciso la Commissione Toponomastica del Comune di Napoli, secondo quanto riportato dal quotidiano Il Mattino: la commissione ha approvato in via preliminare l’intitolazione di alcune nuove strade a vittime innocenti di camorra e delle stragi e personalità di spicco del mondo della cultura.

Altre arterie saranno intitolate alle vittime della strage del Treno Rapido 904 dove, nel 1984, sedici persone furono uccise da una bomba mentre alla memoria di Maurizio Estate – ucciso il 17 maggio del 1993, a vico Vetriera a Chiaia per aver detto no al pizzo – sarà assegnato Largo Vetriera. Strade anche per Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti,  attivisti e anarchici italiani, la cantante Concetta Barra, l’economista Pasquale Saraceno.

Una targa per Matilde Serao nella Galleria Umberto dov’era la sede de Il Giorno, il giornale che diresse. E’ il primo passo per il cambio di nome delle arterie: si attendono i via libera ufficiali.

Potrebbe anche interessarti