Incendi sul Vesuvio: ecco le proposte delle istituzioni per contrastarli

Prevenzione e controllo, questi i due punti chiave per evitare che possano ripetersi devastazioni come quelle verificatesi nelle scorse settimane, a causa degli incendi che hanno coinvolto Napoli con la sua provincia ed altre zone della Campania. Questa è la linea tracciata durante l’incontro in Prefettura di venerdì scorso, al quale hanno partecipato, oltre ai funzionari della Prefettura, anche i referenti di Questura, Regione, Città Metropolitana, dei comuni del parco del Vesuvio, dell’ente parco, le forze dell’ordine e le realtà di protezione civile che hanno partecipato attivamente a tutta l’opera di spegnimento.

Le parti presenti hanno deciso di collaborare tramite un aggiornamento periodico sugli aspetti legati alla salvaguardia del territorio, sia per prevenire nuovi fenomeni, sia per proteggere quell’ampia fetta di territorio così profondamente segnata dai fenomeni dei giorni scorsi.

Il vicesindaco di Torre del Greco Romina Stilo fa sapere che: “Nel corso dell’incontro in Prefettura sono state stabilite sinergie tra i diversi organismi presenti, tali da provare non solo ad arginare ma soprattutto a prevenire nuovi possibili episodi. Una strategia che ha visto l’impegno in prima persona degli organismi superiori: la Regione ha parlato della possibilità di fare sorvolare i territori con speciali droni, utili a individuare i piromani, mentre la Città Metropolitana ha ufficializzato lo stanziamento di 600mila euro per l’acquisto di mezzi atti allo spegnimento dei roghi da destinare ai diversi Comuni del parco”.

La Stilo fa sapere che anche il Comune di Torre del Greco ha avanzato le proprie proposte: “Che però vanno purtroppo a cozzare con l’esiguità delle disponibilità di bilancio. A tal fine ci auguriamo che le promesse fatte dal ministro per l’Ambiente Gian Luca Galletti in piena emergenza, ovvero quelle legate allo stanziamento di fondi per la salvaguardia e la prevenzione, si tramutino in realtà, consentendo agli enti locali di poter programmare con largo anticipo le strategie di competenza, a partire dagli interventi utili a mettere in sicurezza le aree maggiormente danneggiate dalle fiamme”. 

Gli incendi boschivi dei giorni scorsi hanno segnato un’intera comunità, prova di tale sentimento l’organizzazione di più manifestazioni da parte di cittadini, politici e associazioni. Sulle iniziative organizzate il vicesindaco si sofferma con un pensiero rivolto proprio a quelle organizzate dai cittadini: “Iniziative lodevoli molte delle quali però si svolgeranno in contemporanea, impedendoci di fatto di potervi prendere parte. A queste realtà chiedo, in particolare per non disperdere le forze, di trovare una coesione tale da portare all’istituzione di un osservatorio unico, utile strumento di dialogo con l’amministrazione comunale, sensibile come più volte dimostrato a tali problematiche. Dal canto nostro, onde fornire tutti gli elementi utili, periodicamente aggiorneremo i cittadini sull’esito e sul contenuto degli incontri che si svolgeranno in Prefettura”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più