Giovanni Melillo a capo della Procura di Napoli: De Magistris si congratula

Roma – È Giovanni Melillo il nuovo capo della procura di Napoli. Lo ha stabilito, votando a maggioranza, dopo una lunga discussione il plenum del Csm. L’ex capo di gabinetto del ministro Orlando, poi sostituto pg di Roma, andrà a dirigere la procura più grande d’Italia, con 9 aggiunti e 97 sostituti. Melillo ha prevalso per 14 voti a 9, con due astenuti sul procuratore di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho.

Giovanni Melillo, nato a Foggia, ha 57 anni, è più giovane del suo concorrente Cafiero de Raho ed è al suo primo incarico di capo di una procura, pur avendo ricoperto a lungo il ruolo di procuratore aggiunto sempre a Napoli. È stato prima pretore poi pm e sostituto alla Dna. Il ministro Orlando nel 2014 l’ha chiamato al ministero, dove per tre anni è stato capo di gabinetto.
Di Melillo, nel fascicolo agli atti del Csm, vengono evidenziate le “capacità organizzative” e lo “spirito di collaborazione”, “l’intelligenza acuta e la preparazione giuridica anche nel settore internazionale”.

Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha commentato la nomina, da parte del CSM, di Giovanni Mellillo a Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli:

Voglio congratularmi a nome mio personale e dell’intera Amministrazione comunale con il Dott. Giovanni Melillo, appena nominato Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli. Auguro al neo Procuratore di lavorare in piena autonomia e indipendenza. A lui il Comune offrirà, nell’ambito delle autonome e reciproche competenze la cooperazione ai più alti livelli, con l’ auspicio che si possa consolidare ancor di più il già ottimo livello di collaborazione in città tra Forze dell’Ordine, Magistratura, Prefettura e Amministrazione comunale. Conosco le eccellenti qualità professionali del dott. Melillo che da oggi va a guidare uno degli uffici giudiziari più importanti d’ Europa.”

Potrebbe anche interessarti