Rosa, suora ischitana: 30 anni fa nella sua tesi indicò la faglia di Casamicciola

Suor Rosa Lupoli è una suora ischitana, oggi in Clausura nel Monastero delle Cappuccine di Napoli. Rosa ha lasciato Ischia 25 anni fa, ma oggi, a due giorni dal terremoto, prova dolore proprio come se fosse ancora lì. Laureata in lettere e con una serie di altri titoli, Rosa 30 anni fa scrisse la sua tesi proprio sui terremoti del 1881 e 1883 a Casamicciola. In un post pubblicato su Facebook dimostra di saperne di più di chi, in queste ore, assurge al ruolo di professore, tecnico, o esperto dei fatti:

“29 anni fa ho fatto la mia tesi di Laurea in storia moderna proprio sui terremoti del 1881 e 1883 a Casamicciola! Non c’era internet e le fonti geologiche molto difficili da reperire! Franca Grimaldi, l’unica geologa dell’isola che conoscevo, mi fornì il materiale per l’introduzione sulla struttura geologica dell’isola.! Ebbene ho ascoltato da ieri sera tanti soloni e professori universitari, ci fosse stato uno, uno solo, che abbia detto che Ischia è divisa in zolle (ai cui punti di incrocio si situano le cosiddette fumarole per alleviare la pressione interna) e che una faglia si situa proprio tra Casamicciola e Ischia e investe le zone di Casamicciola alta e Lacco alta ed è la più sensibile alle scosse telluriche!”.

“Sentire un governatore che parla di prossima lotta senza quartiere all’abusivismo edilizio senza chiedersi come mai poi questa situazione illegale sia concentrata tutta in una sola zona di Ischia mi fa pensare che l’ignoranza è forse la cosa più terribile dalla quale salvarsi!
Questa piantina non è il massimo ma rende l’idea della divisione in zolle dell’isola e rende ragione del fatto che alcuni ad Ischia Porto e Ponte non l’abbiano avvertita!”.

IL POST

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più