Saviano: “A Napoli c’è gente che mi sputa addosso, ma io non sono un nemico…”

Roberto SavianoIn una lunga intervista al settimanale El Pais, Roberto Saviano ha parlato anche di Napoli e del rapporto ambivalente che ha con la città partenopea. Da un lato c’è chi lo sostiene, dall’altro chi lo critica o addirittura lo disprezza. Ecco cosa ha detto:

“Non posso andare a Napoli come prima. C’è una parte della città che mi è molto ostile. Se ti porto a fare un giro lo vedi con i tuoi occhi. C’è gente che mi sputa addosso. Dicono che ho fatto i soldi a costo della città. Il denaro onesto che ha guadagnato una persona che scrive è un problema, ma quello che hanno fatto i criminali durante tutti questi anni no…. Ma più mi allontano, più scrivo su Napoli. La distanza aumenta la vicinanza del cuore, del pensiero, dell’analisi. Tutto il mio distanziamento è un modo per continuare a essere a Napoli. È la mia terra, la conosco molto bene e mi manca. Per questo mi sembra un’infamia che mi chiamino nemico della città“.

Poi una risposta a chi sostiene che metta in cattiva luce la città: “Quello che faccio non è parlare male della città, ma raccontare una ferita perché si risolva. Il fatto che i delinquenti s’ispirino alla serie non significa che non abbiano commesso lo stesso i delitti. Tuttavia riconosco che il mondo criminale si vede così rappresentato nelle mie storie, che vi cerca parte della sua identità”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più