Video. Reggia di Carditello: la Reale Delizia dei Borbone sulla Rai

Real Sito di Carditello

Tra i 22 siti reali della dinastia dei Borbone di Napoli, c’è la Reggia di Carditello, un unicum sorprendente, espressione di un’imprenditoria ispirata dalle idee illuministiche della famiglia reale.

Rai Storia ha mandato in onda, qualche sera fa, uno splendido documentario sulla “delizia dei Borbone”, un viaggio nel Real Sito di Carditello alla scoperta della storia e della sua funzione.

Il complesso borbonico fatto costruire da Carlo di Borbone come luogo per la caccia e l’allevamento di cavalli è stato poi trasformato per volontà di Ferdinando IV di Borbone in una fattoria modello per la coltivazione del grano e l’allevamento di razze pregiate di cavalli e bovini.

Carditello era uno dei siti che si fregiava del titolo di “Reale Delizia” perché, nonostante la sua funzione di azienda, offriva una piacevole permanenza al re e alla sua corte per le particolari battute di caccia che i numerosi boschi ricchi di selvaggina permettevano. Costruita da Francesco Collecini, allievo di Luigi Vanvitelli e affrescata dal grande vedutista di corte Jakob Philipp Hackert, Carditello è l’unica reggia reale europea che presenta nell’area antistante, una pista per cavalli, che richiama la forma dei circhi romani, abbellita con fontane, obelischi ed un tempietto circolare dalle forme classicheggianti.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale il Real Sito entrò a far parte del patrimonio del Consorzio generale di bonifica del bacino inferiore del Volturno. Per decenni è rimasto in uno stato di totale abbandono, in un territorio divenuto il regno dei clan camorristici. Oggi è stato acquistato dal MiBACT e con la creazione di una Fondazione Carditello, la Reggia finalmente potrà avere la posizione di prestigio che le spetta.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più