Feyenoord-Napoli: Insigne resta a casa. Tre novità in campo

Dopodomani ci sarà un altro test importante per gli azzurri: Napoli-Feyenoord. Una di quelle partite in cui non sarà solo il campo De Kuip di Rotterdam a sancire il vincitore della sfida a cinque stelle, ma tutto dipenderà da quello che succederà tra Shakhtar Donetsk e Manchester City, in cui la squadra di Guardiola dovrà esclusivamente vincere contro gli ucraini per permettere al Napoli di passare il turno e continuare il percorso Champions.

Alla già complicata situazione del Napoli, con una qualificazione più in mano al destino che al campo, si aggiunge una necessaria rivoluzione di formazione dettata non solo dalla stanchezza di alcuni giocatori fondamentali, percepita nella sfida di Venerdì contro la Juve, ma che si trascina ormai da troppe partite, ma soprattutto da vari problemi muscolari che hanno colpito alcuni azzurri.

E’ certa l’assenza di Insigne, come conferma il Corriere dello Sport, a causa della fastidiosissima infiammazione al pube che lo sto tormentando dal ritorno, dopo l’eliminazione, della Nazionale, che lo ha costretto a chiedere la sostituzione già contro la sfida contro la Juventus, uscendo scuro in volto e con un’espressione dolorante. Per questo motivo la società ha ben pensato di evitare una trasferta inutile al Magnifico, puntando su Zielinski che ha già dimostrato di essere a suo agio in una posizione più avanzata, da poter sostituire, in partita in corso, con Ounas, anche lui palesemente pronto e ben amalgamato al gioco di Sarri, oltre ad aver già dimostrato le sue enormi doti tecniche.

Ma non facciamo allarmismi inutili: Insigne contro la Fiorentina, domenica alle 15:00, sarà di nuovo a disposizione della squadra

Ma il turnover pensato da Sarri, non si limita all’attacco. Probabilmente riproporrà Chiriches al fianco di Koulibaly, e Maggio sulla fascia destra dirottando su quella opposto Hysaj, lasciando in panchina Mario Rui. Al centrocampo ritroverà spazio Diawara, che riesce sempre ad esaltarti nelle partite di Champions, facendo riposare un utilizzatissimo Jorginho.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più