Il New York Times celebra la pizza napoletana: “È una delle glorie della civiltà”

Il New York Times celebra la pizza napoletana e titola un bellissimo reportage, fatto da Jason Horowitz: “È ufficiale: la pizza di Napoli è una delle glorie della civiltà”. Il giornalista del quotidiano americano racconta della notte in cui, nella lontana isola sud-coreana di Jeju, il Comitato Unesco colloca circa 3000 pizzaioli di Napoli nella lista di rappresentanti del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità.

Altri 32 erano i vincitori del titolo in altri settori, ma quello della pizza ha sicuramente avuto un risalto maggiore, come dice Horowitz, grazie soprattutto ai pizzaioli che ne hanno fatto una grande promozione. In primis racconta la storia di Gino Sorbillo che da Napoli si sta espandendo nel mondo, fino ad essere arrivato nella Grande Mela.

Tra i primi sostenitori di questa vittoria, inoltre, c’è il sindaco Bill de Blasio, che non ha mai nascosto il suo amore per Napoli e per la pizza. E poi il giornalista newyorkese rivela un retroscena raccontando della telefonata di Sorbillo fatta alle 5 del mattino al suo collega Ciro Oliva, che dirige la pizzeria “Concettina ai Tre Santi”, dicendo: “Ciro, abbiamo vinto!”, con annesse grida di gioia di quest’ultimo.

L’amore per un prodotto come la pizza non ha eguali nel mondo.

Potrebbe anche interessarti