Capodanno, boom turistico a Napoli e in Campania: 95% di prenotazioni

capodanno a napoli

Napoli, meta preferita anche quest’anno per trascorrere il Capodanno 2018: è difficile, infatti, per chi ha deciso di passare il 31 dicembre 2017 nella città partenopea, trovare una camera libera e Salerno e le due Costiere Amalfitana e Sorrentina non sono da meno.

A rivelarlo è un sondaggio dell’Osservatorio Turistico Extralberghiero dell’Abbac (Associazione dei Bed & Breakfast ed Affittacamere della Campania) che monitora costantemente i flussi turistici delle strutture ricettive mediante contatti diretti con gestori e agenzie.

I maggiori portali on-line danno già prenotate il 95% di tutte le tipologie ricettive a Napoli, lo stesso per Salerno e le due Costiere. Si prevede un vero e proprio Capodanno con il botto per la Campania!
Aumentano in queste ore anche le richieste di prenotazioni per Natale e Santo Stefano.

“Si tratta di dati che ci entusiasmano e che danno conto dell’appeal sempre crescente della nostra Campania che è in grado di intercettare flussi di turismo individuale che sceglie la vacanza da sè, mediante la rete internet, preferendo puntare sull’eccezionale binomio cultura ed enogastronomia per trascorrere le feste natalizie” dichiara Agostino Ingenito, presidente Abbac.

“La Campania dimostra la sua valenza nel turismo italiano ed internazionale, ci stanno premiando le offerte culturali ma anche dell’enogastronomia, garantendo prezzi accessibili e accoglienza di qualità non standardizzata oltre la sicurezza percepita e la raggiungibilità”.

Un mix tra bellezze culturali e naturalistiche e l’offerta gastronomica fanno si che Napoli e l’hinterland sia molto gettonato per trascorrere le vacanze di Natale e il Capodanno. Anche i Campi flegrei con Pozzuoli e Bacoli stanno attirando visitatori, come per l’area vesuviana, tra Portici, Ercolano e fino a Pompei, compreso alcune aree dell’Agro Nocerino Sarnese e Castellammare di Stabia con proposte più economiche e che puntano alla vicinanza di Napoli e al raggiungimento mediante i trasporti pubblici.

Aggiunge Ingenito: “Riteniamo fondamentale che gli enti preposti evitino sorprese per il trasporto pubblico, garantendo corse e servizi durante il periodo festivo, eventuali scontri sindacali o blocchi ferroviari di Circumvesuviana, Cumana e Metropolitana non verrebbero compresi dai turisti. Serve una regia condivisa che vada oltre le sigle e posizioni di antagonismo e che garantisca operatori e viaggiatori”.

Molto bene anche per l’hinterland di Salerno, i comuni vicinori della Costiera Amalfitana come Vietri sul Mare e Cetara. Amalfi resta regina di inverno come Atrani e Positano. In Penisola Sorrentina è boom di prenotazioni nei b&b ed affittacamere di Sorrento, Massa Lubrense, Sant’Agnello, Piano, Meta e Vico Equense. A Benevento e nel Sannio preferiti gli agrituristi e i b&b come per l’Irpinia e il casertano, dovrebbe raggiungere ottimi risultati anche Caserta che ha al momento l’80% di camere già prenotate.

Nel Cilento, almeno per l’area costiera, vi sono segnali incoraggianti per le strutture che possono garantire transfer da e per le Luci d’Artista. “L’auspicio è che siano garantiti i servizi da parte delle istituzioni come per la sicurezza e il trasporto – conclude Agostino Ingenito – Ecco perchè appare ormai indispensabile lavorare ad un piano turistico pluriennale, considerato che la Campania non vive più di periodi episodici di successo ricettivo ma è ormai una meta costante anche in periodi di destagionalizzazione. Noi siamo pronti a fare la nostra parte e abbiamo necessità di condividere progetti di investimenti che abbiano però la possibilità di essere accompagnati”.

Potrebbe anche interessarti