Dopo Apple un’altra multinazionale investe su Napoli: si parla della General Electric

Dopo Apple un altro colosso americano arriva a Napoli: si tratta della General Electric Company, l’azienda leader nei settori della tecnologia, della finanza, del manifatturiero e dei media. Ancora una volta si prevede una intesa tra l’Università “Federico II” di Napoli e una società statunitense.

“Un’altra grande multinazionale — dice il rettore Gaetano Manfredi — sta pensando a Napoli”, si legge su Il Corriere del Mezzogiorno. L’università ormai va oltre l’aspetto disciplinare e culturale. È diventata una sorta di piattaforma di sviluppo, un grande attrattore di imprese. Per questo motivo dopo Apple un’altra grande multinazionale vuole venire a investire a Napoli dopo aver fatto uno studio sulla demografia”.

“A loro interessava sapere quanti laureati in materie Stim (cioé Scienze del Turismo ad Indirizzo Manageriale) ci fossero. Hanno scoperto che a Napoli ce ne sono moltissimi e questo è stato un fattore di attrazione. Per intenderci: il modello Silicon Valley sarà anche superato, ma serve a far capire con più facilità quello su cui stiamo lavorando”.

Manfredi non fa il nome dell’azienda ma sappiamo che chi ha deciso di investire in Italia è la General Electric. Ha già una sede a Firenze ed ha firmato un protocollo d’intesa con la Ge e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa per creare in Toscana un centro di eccellenza in applicazioni digitali avanzate. Potrebbe, dunque, proprio questo colosso americano espandersi anche a Napoli? La probabilità è molto alta.

Potrebbe anche interessarti