Progetto da sogno per Marina di Stabia: 150 alloggi, mercato del mare e arena da 650 posti

Mercato del mare con complesso residenziale di  150 alloggi, compresi tra 40 e 130 mq, con giardini o terrazzi, 30 unità commerciali, 20 uffici e 8mila mq di parcheggi coperti. E’ questo il progetto avveniristico di riqualificazione delle opere a terra di Marina di Stabia, a Castellammare di Stabia, un lavoro interrotto nel 2010 ma che potrebbe ripartire a breve. A rilanciare l’idea è un filmato di presentazione della società “Officina di Architettura”, un video che, pubblicato un mese fa, era poi sparito dal web dopo le prime apparizioni sulla stampa.

L’area del porto turistico “Marina di Stabia” è da anni meta prediletta da vip e turisti che attraccano in zona per visitare la penisola sorrentina e la costiera amalfitana e per questo ben si sposa al progetto di destinarla ad ospitare strutture ricettive, un complesso residenziale e aree per tempo libero, benessere e sport.

Come rivelato da stabiachannel, il progetto si articola in tre aree: complesso residenziale, mercato del mare e polo ricettivo.

– Il complesso residenziale prevede due fasce di palazzi parallele in modo da aprire uno scorcio verso il mare. Al centro dovrebbe essere realizzata una corte verde condominiale con 150 alloggi, tra i 40 e i 130 mq, giardini, terrazzi, 30 unità commerciai, 20 uffici e 8mila mq di parcheggi coperti.

Il polo ricettivo, invece, dovrebbe avere un residence con 54 alloggi, un hotel con 120 camere vista mare e piscina, e un polo congressuale con sale fino a 300 posti e una spa da 300 mq.

– Ultimo punto, il mercato del mare, costituito da un grande capannone industriale, trasformato in spazi commerciali di 2mila mq con un parcheggio coperto enorme.

Prevista, inoltre, anche la realizzazione di una cavea teatro, un’arena da 650 posti per gli spettacoli all’aperto.

Un progetto dalla portata enorme, ma di difficile attuazione, specialmente in tempi brevi.

In attesa di notizie ulteriori, alleghiamo il video che sta circolando sui vari canali social:

Potrebbe anche interessarti