Grotta di Cocceio, riapre al pubblico l’incredibile opera d’ingegneria militare romana

Buone notizie per la Grotta di Cocceio, secondo quanto riportato da ilmattino.it, il sito flegreo dovrebbe aprire a fine gennaio.

I lavori di restauro e consolidamento iniziati a maggio 2017 e finanziati con Fondi Por Campania, sono quasi terminati: sono stati realizzate le opere di contenimento dei terrapieni, verificato l’impianto di illuminazione ed effettuati i controlli necessari alla fruizione. L’apertura del sito dovrebbe essere imminente, si attende solo l’annuncio ufficiale della Soprintendenza.

Dopo una serie di problemi subiti in passato a causa di crolli, ostruzioni e alla presenza di una comunità di pipistrelli appartenenti a una specie protetta, finalmente l’opera d’ingegneria romana torna ad essere visitabile.

La grotta di Cocceio (detta anche grotta della Pace) è una galleria sotterranea, scavata sotto il monte Grillo, che collegava Cuma con la sponda occidentale del lago d’Averno.

L’opera, come testimonia anche Strabone, fu progettata e costruita intorno al 37 a.C. da Lucio Cocceio Aucto su commissione di Marco Vipsanio Agrippa, che la volle realizzare per motivi militari: era necessaria per collegare Cuma con il Portus Iulius, insistente sui bacini del lago d’Averno e del lago Lucrino.

Il traforo è interamente scavato nel tufo per quasi un chilometro, a sezione trapezoidale e andamento rettilineo leggermente in salita verso Cuma. L’entrata ad est sul lago, presenta un breve tratto con volta a tutto sesto in opus reticulatum ed era preceduta in passato da un vestibolo ornato da colonne e statue. La galleria riceveva luce ed aria da sei pozzi scavati nella collina ed era abbastanza larga da permettere il passaggio di due carri.

La grotta è chiamata anche della Pace, perché secondo una leggenda del Cinquecento un cavaliere spagnolo, tal Pietro di Pace, malconsigliato da maghi e chiromanti, avrebbe sperperato i propri beni nella vana ricerca di un presunto tesoro qui sepolto.

Abbandonata in epoca medievale, la galleria fu ripristinata nell‘Ottocento dai sovrani borbonici; durante la Seconda guerra mondiale fu utilizzata come deposito di esplosivi e subì dei gravi danni nel Dopoguerra, in seguito ad un’esplosione di essi.

I lavori che si stanno per concludere riporteranno finalmente all’antico splendore la Grotta che sarà resa visitabile al pubblico.

Interno della Grotta di Cocceio

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più