Baby gang, Cantone: “Sbagliato incolpare Gomorra”

Il presidente dell’ anticorruzione Raffaele Cantone, durante l’incontro con gli studenti della scuola Marconi di Giugliano, dove erano presenti anche Giovanna Mugione dirigente scolastico e il giornalista Alfonso Pirozzi, ha parlato del fenomeno baby gang: “È sbagliato additare quello che stanno facendo dei ragazzi alla visione di Gomorra. La presenza della microcriminalità e dei minorenni che delinquono nella nostra realtà è un dato scontato e forse non tutti sanno che la condanna di un minorenne risale a 10 anni fa dove c’erano ragazzini che facevano parte attiva della camorra e che furono anche condannati per camorra”.

Come riportato dal mattino.it, Cantone ha spiegato: “Oggi abbiamo una situazione esplosiva, in merito alle aggressioni di minorenni,  situazione che si sta verificando nella Napoli bene e che fino a poco tempo fa nessuno se ne occupava anche se accadeva in altre zone. Vanno effettuate delle modifiche sul piano punitivo e alcune leggi rischiano di dare l’impressione di non essere sanzionati. Quei ragazzi che hanno accoltellato hanno già valicato quella linea di non avere paura del carcere”.

Invita poi i giovani a prendere visione del fatto che nelle periferie della città c’è un alto tasso di disoccupazione dove a prendere il sopravvento è la camorra. Durante l’incontro ha detto di essere molto legato alla sua città e di non averla mai voluta lasciare e fa un appello per poter contrastare la camorra e non d’ignorarla, ma “di lottare tutti insieme per sconfiggere chi distrugge questi territori. Bisogna essere orgogliosi di essere di queste terre”.

Inoltre il suo pensiero va al giovane Gaetano, una delle vittime di questi mesi delle baby gang, attaccato in metropolitana: “Sono vicino alla mamma come alle altre madri che si sono ritrovate in questa situazione assurda”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più