Ferito a colpi di pistola da una baby gang, parla Antonio: “Ho avuto paura di morire”

Era il 27 dicembre del 2016 quando Antonio Malinconico fu assalito da una banda criminale, nel tentativo di difendere il suo scooter. Il ragazzo di Torre del Greco fu colpito da 5 colpi di pistola alla caviglia e al torace. Ieri è stato finalmente presto anche il sesto componente di quel gruppo di delinquenti che, quella notte, lasciò Antonio in una pozza di sangue.

Il padre di Antonio ha recentemente rilasciato un’intervista nella quale ha spiegato come suo figlio non si sia mai del tutto ripreso da quel bruttissimo episodio. A parlare, stavolta, è proprio Antonio, ai microfoni di Studio Aperto. Nell’edizione delle 12:25 andata in onda quest’oggi, il ragazzo ha spiegato cos’è accaduto quella notte.

Stavo facendo un giro intorno alle 9 e mezza del 27 dicembre del 2016. Ad un certo punto, vidi dietro di me tre scooter che mi inseguivano. Pensavo che forse volevano qualcosa. Mi si avvicinarono ed ebbero un atteggiamento aggressivo, puntandomi la pistola. Mi spararono, il dolore aumentò, pensai che non sarei sopravvissuto. Ebbi paura di morire. Di seguito, il link al video con l’intervista, a partire dal minuto 16:00

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più