Brunetta: “Fiero di essere terrone”. Ma anni fa dichiarava: “Napoli cancro dell’Italia”

Prima delle elezioni che hanno portato una vittoria netta del Movimento Cinque Stelle nel Sud Italia emergono alcuni retroscena della campagna elettorale che ha del surreale: Renato Brunetta per portare voti al centro destra dichiarava: “Io sono terrone per scelta e mi vanto di esserlo.

In un servizio del programma di La7 “Piazza Pulita” lo stesso Brunetta anni fa denigrava quello stesso Sud di cui si ora si sente fiero: “Se non avessimo Calabria, la conurbazione Napoli-Caserta, e altre tre o quattro conurbazioni, l’Italia sarebbe il primo paese d’Europa”.

Poi continuava rincarando la dose: “La conurbazione Napoli-Caserta è un cancro, un cancro sociale, un cancro culturale, etico”. E poi il cambio di rotta, poco prima delle elezioni del 4 marzo, essendo i seggi del Sud in bilico: “La ricchezza, la civiltà, i valori erano al Sud, mentre al Nord c’erano i poveri pastori, un po’ rozzi, senza cultura, senza civiltà”.

Insomma le dichiarazioni di Brunetta sono lo specchio di questa campagna elettorale, soprattutto del centro-destra, fatta di ipocrisie e falsità per prendere una manciata di voti in più al Sud che invece ha dimostrato di essere stanco della solita politica poco meridionalista.

ECCO IL VIDEO:

Potrebbe anche interessarti