Oncologo del Pascale: “Ho un cancro ed andrò a curarlo a Milano”

Antonio Marfella

Napoli“Ho fatto le analisi un mese fa, ho il cancro alla prostata. Non ho difficoltà a far sapere che, pur lavorando al Pascale, sono in lista di attesa per operarmi all’Ieo di Milano” Questo ha dichiarato il dott. Antonio Marfellaoncologo al Pascale di Napoli e presidente dei Medici per l’Ambiente, in un’intervista rilasciata al Corriere del Mezzogiorno.

Sempre secondo le parole del medico la sua decisione non sarebbe una mancanza di fiducia nei confronti dei colleghi napoletani, ma un atto di protesta contro la sanità campana: “al Pascale ci sono colleghi bravissimi, eccellenti, ma che non vengono messi in condizioni di lavorare come pure saprebbero fare”.

“Per il mio cancro – spiega Marfella – devo essere sottoposto a un intervento in robotica. Le linee guida internazionali prevedono che questo tipo di intervento vada eseguito da strutture che ne facciano almeno 250 l’anno. Nell’intero Mezzogiorno non esiste alcun ospedale, Pascale compreso, che superi i 100 interventi alla prostata con il robot”.

Infine, il medico indica l’inquinamento ambientale e la Terra dei Fuochi come causa principale del suo male: “Io mi ritengo uno dei campani danneggiati dall’inquinamento. Mai fumato in vita mia, ma certamente ho respirato litri di diossina. Purtroppo la Terra dei fuochi esiste, nonostante ci sia ancora chi cerca di negarlo. L’ultimo inganno è quello di voler spacciare il mancato inquinamento dei prodotti agricoli come prova del mancato inquinamento del sottosuolo. Nulla di più falso.”

Potrebbe anche interessarti