La Doria investe al Nord e chiude la fabbrica di Acerra: “Non c’è un futuro diverso”

Chiuderà quest’anno, nel mese di settembre, lo stabilimento La Doria di Acerra. Partita da Angri, in provincia di Salerno, La Doria ha aperto in italia 7 stabilimenti, 5 dei quali in Campania. L’azienda è riuscita a costruite un impero da 631 milioni di euro nel giro di 20 anni

Ma nei prossimi mesi tutti gli sforzi della famiglia Ferraioli, proprietari della SpA, saranno concentrati sull’unico stabilimento che hanno in Nord Italia, quello di Parma. Come racconta all’agenzia Dire uno dei dipendenti della fabbrica di Acerra, Vincenzo Di Sarno, a Parma c’è “una struttura nuova, con magazzini all’avanguardia e sistemi robotizzati”.

Difficile, quindi, che si possa scongiurare la chiusura dello stabilimento: “L’azienda è stata chiara. Per Acerra non c’è un futuro diverso dalla chiusura, rifiutando qualsiasi offerta“, racconta ancora Di Sarno. I 67 dipendenti dello stabilimento napoletano, adesso, rischiano di essere trasferiti nelle altre fabbriche di La Doria in Campania, distanti però anche 70 km da Acerra. Per questo motivo, i lavoratori da giorni hanno deciso di incrociare le braccia per difendere il proprio posto di lavoro e la loro fabbrica.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più