Scoperto un nuovo organo sotto pelle: potrebbe aiutare nella ricerca sul cancro

Una scoperta destinata a rivoluzionare la scienza è quella di un gruppo di ricercatori della New York University’s School of Medicine che hanno trovato un nuovo organo nascosto sotto la nostra pelle. L’hanno chiamato interstitium e si trova quasi ovunque sotto la superficie della nostra pelle. Circonda le vene e le arterie e crea un’intercapedine tra i tessuti fibrosi dei muscoli, riveste l’apparato digerente, i polmoni e l’apparato urinario.

Ha l’aspetto di una maglia con diverse cavità piene di fluidi sostenute da una tela chiamata elastina composta di collagene e proteine flessibili. Gli scienziati prima di questa scoperta pensavano fosse un denso tessuto connettivo mentre sembra si tratti di un vero e proprio organo.

I ricercatori sono riusciti a individuare l’interstitium attraverso l’osservazione di campioni di tessuto vivo e non morto, utilizzando una particolare tecnica chiamata endomicroscopia confocale laser. Si tratta di un metodo che esplora il corpo umano con una sonda dal punto di vista microscopico. Il tessuto è illuminato dal laser dell’endoscopia e i pattern fluorescenti all’interno vengono analizzati dai sensori.

Neil Theise, docente di patologia all’Università di New York, spiega: “Si tratta del fluido extracellulare poco conosciuto. Circa il 70% del corpo umano è composto di acqua e due terzi di questa è contenuta nelle cellule. Del restante terzo sappiamo ben poco”.

Lo studio dell’interstitium, che funge da ammortizzatore di colpi, potrebbe giocare un importante ruolo nello studio dell’invecchiamento della pelle, delle malattie infiammatorie degenerative e perfino del meccanismo d’azione dell’agopuntura, così come nel campo della ricerca sul cancro. Infatti, tra le ipotesi su quale sia la funzione dell’organo, Theise ritiene che potrebbe essere fonte di liquidi linfatici, dunque un fluido che attraversa l’organismo sostenendone le capacità immunitarie. A suo avviso capire come le malattie si diffondono in questa parte del corpo potrebbe aiutare i ricercatori a comprendere meglio la diffusione del cancro.

Per ora si tratta di una scoperta che è ancora dubbiosa e circondata da mistero. Certamente però è destinata a lasciare dei segni nel campo scientifico e medico.

Qui lo studio completo.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più