Video. Napoli, attenzione alla truffa del prestito: promette soldi con buste paga false

Per la concessione di un prestito sono richieste diverse garanzie economiche non sempre a disposizione del richiedente. L’ostacolo sembra insormontabile, ma a Napoli c’è chi fa “magie” promettendo quello che non può, approfittandosi della povera gente che necessita realmente di prestiti, spesso per vivere.

Il caso è stato sollevato da Luca Abete che, dopo diverse segnalazioni, in un servizio per Striscia la Notizia, ha denunciato il caso di un uomo che si fa passare per Capo area di una nota banca, della quale però non si conosce il nome, ma che ha prontamente smentito di avere tra i suoi dipendenti il millantatore.

L’uomo è stato contattato da un gancio di Striscia al quale ha dato appuntamento in un bar. Arrivando, però, all’appuntamento, il gancio, ha incontrato una persona che lo ha subito avvertito sul conto dell’individuo, spiegando che lui stesso si era affidato per un prestito, sborsando ben “10 mila euro

Poi si arriva al tanto atteso incontro e l’uomo subito mette le cose in chiaro: “Mi dai codice fiscale, la carta d’identità e 250 euro. Alla fine altri 500“.

L’uomo sembra sicuro di sé e promette l’accesso sicuro al finanziamento se non si va oltre i “15 mila perché “a deliberare sono io“.

L’anticipo della somma, spiega ancora l’uomo davanti ad un buon caffè, serve in sostanza per corrompere chi prepara la busta paga e “rischia il posto di lavoro” .

Dopo aver raccolto altre testimonianze Abete si presenta personalmente dall’uomo, chiede spiegazioni incalzandolo con diverse domande, ma il truffatore, scappando in macchina, si limita solo a chiarire che non ha “nulla da dire“.

Questo il video completo del servizio:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più