Torre Annunziata, nuovo volto alla spiaggia della Salera: palme e spazi per famiglie

Torre Annunziata – È stato approvato con delibera del 18 maggio 2018 il “progetto definito di riqualificazione ambientale, risanamento e rifunzionalizzazione della spiaggia Salera”. La Giunta municipale ha dato il via a quest’opera di bonifica che costerà 7 milioni e 200mila euro.

Finalmente verranno tolti i rifiuti che avevano trasformato la Salera, uno degli angoli più belli della città oplontina, alle spalle del porto, in una vera e propria discarica a cielo aperto. Il Comune chiede fondi alla Regione Campania per completare i lavori di rimozione di tonnellate di spazzatura ancora giacenti sull’arenile pubblico.

Più di due anni fa l’area della spiaggia della Salera fu oggetto di bonifica per permettere la realizzazione della bretella “Lungomare di Oplonti”, che collega la zona industriale con il porto. I lavori furono fermati a causa di mancanza di fondi. Successivamente l’area non bonificata fu posta sotto sequestro. Da qui l’esigenza del Comune di trovare nuovi fondi.

Fu fatta richiesta di un nuovo finanziamento alla Regione Campania. Oggi il progetto definitivo di restyling è stato approvato e prevede la ridefinizione dell’intera area con la creazione di una passeggiata sul mare, le palme e alberi su tutto il percorso, oltre che spazi destinati alle famiglie.

“Ci avviciniamo alla fine di questo lungo iter burocratico – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Ammendola –  Una volta ottenuto il finanziamento dalla Regione, procederemo con l’approvazione del progetto esecutivo e successivamente con l’indizione della gara di appalto. I tempi? Credo che ci vorrà almeno un altro anno e poi finalmente potremo goderci, dopo oltre 30 anni, la nostra bellissima spiaggia”.