Follia a Caserta, sparano a immigrati urlando “Salvini, Salvini!”

Caserta. Sembrerebbe un agguato di stampo razzista, quello avvenuto lo scorso 11 giugno nel quartiere Acquaviva, ai danni di due immigrati. Questi ultimi, infatti, hanno dichiarato di essere stati colpiti da proiettili ad aria compressa sparati da un gruppo di giovani che gridavano “Salvini, Salvini!”.

I due giovani, del Mali, Daby e Sekou, sarebbero stati avvicinati da una Fiat Panda nera, su cui viaggiavano tre coetanei. Questi avrebbero, appunto, sparato contro di loro tre proiettili ad aria compressa, di cui uno andato a vuoto, mentre gli altri due hanno colpito Daby, ferendolo al torace.

I due immigrati hanno denunciato l’accaduto, accompagnati da un avvocato e da un’operatrice legale.

Il fatto risale a una settimana fa, ma è stato reso noto solo oggi dal Centro Sociale Ex Canapificio, associazione che gestisce il progetto Sprar insieme alla Comunità Rut delle Suore Orsoline e alla Caritas.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più