La Reggia di Carditello torna alle origini: le pecore cureranno il parco

La Fondazione Real Sito di Carditello, in collaborazione con la Coldiretti Caserta, propone una nuova formula di cura delle aree verdi del sito borbonico attraverso l’ecopascolo. L’attività partirà dall’ultima settimana di giugno 2018 con la sperimentazione di una nuova modalità ecologica di intervento sul manto erboso del Sito, per mantenere alta l’attenzione per il paesaggio e per l’ambiente già dimostrata con altri progetti. L’intervento sarà effettuato dall’azienda agricola di Pina Cestrone, vedova di Tommaso, conosciuto come “l’Angelo di Carditello” prematuramente scomparso, il cui gregge contribuirà a mantenere il decoro delle aree verdi.

L’ecopascolo è una metodo di “lavoro” rispettoso dell’ambiente e della biodiversità del territoriale, che non va contro i ritmi della natura. La bontà di questo intervento è stata già sperimentata, ad esempio, a Roma dove il Comune ha trovato un’intesa con Coldiretti Lazio. Il progetto, come detto, conferma l’attenzione alla tutela del paesaggio, ma anche la volontà di perseguire gli obiettivi degli enti promotori in materia di clima.

Potrebbe anche interessarti