Le polemiche non frenano il Gay Pride: successo senza precedenti. LE FOTO

[message_box title=”MESSAGE TITLE” color=”red”]ADD_CONTENT_HERE[/message_box] Il Gay Pride di Pompei è uno di quegli eventi che non potrà mai mettere d’accordo tutti. Lo si sapeva alla vigilia, lo si era vissuto con le polemiche accese dei giorni precedenti. Un Gay Pride che sfila nella città della Madonna, simbolo del cattolicesimo in tutto il mondo, era sembrata a molti una provocazione di cattivo gusto, un’istigazione al disprezzo di un luogo ferventemente religioso. Gli organizzatori, però, molti dei quali originari dei paesi limitrofi, hanno assicurato che non ci fosse alcun intento arrogante, solo quello di vivacizzare la città con una giornata “diversa”.

E nonostante le proteste di un gruppo di militanti di Forza Nuova, che hanno recitato il rosario al passaggio del corteo, davanti al Santuario, in segno di protesta, la manifestazione è andata benissimo, tanto che l’Arcigay ha parlato di “successo senza precedenti”.

In 10mila, tra esponenti della comunità LGBT, associazioni e semplici cittadini, hanno sfilato per le strade fino all’ingresso degli Scavi. Un corteo lungo, diversi carri allestiti con musica e un altoparlante in cui venivano “lanciati” ai manifestanti slogan di vario tipo.

La sfilata è stata colorata e “colorita”, ma senza grossi eccessi. L’arcivescovo  aveva chiesto “sobrietà”, e anche se “sobrio” è un termine inadatto per un Pride di qualunque tipo, l’evento ai più non è risultato volgare.

In corteo, tra gli altri, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vincenzo Spadafora, titolare della delega alle pari opportunità, la senatrice dem Monica Cirinnà, prima firmataria della legge sulle unioni civili, e il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

Le polemiche sono proseguite anche nel post Pride, ma il comitato organizzatore e le varie associazioni aderenti hanno bissato un successo che parla da sé.

Nel corso della manifestazione, Spadafora ha assicurato che “non si perderanno i diritti conquistati”.

LE FOTO

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più