Reddito di cittadinanza, Di Maio cambia strategia. Libero: “Fa la carità ai compaesani”.

Beccare 780 euro al mese senza fare nulla è una prospettiva allettante per i milioni di cittadini meridionali, e non solo, che bazzicano  tra il nero e il grigio. Provate un po’ a fare due conti: due coniugi disoccupati riuscirebbero a incamerare quasi 1400 euro ogni 30 giorni, se poi ci aggiungiamo che in famiglia magari ci sono una pensione e un assegno di invalidità civile, il gioco è fatto“. Apre praticamente così l’edizione cartacea odierna di Libero, che titola “Di Maio fa la carità ai compaesani“.

Libero - Di Maio e il Reddito di cittadinanzaUna prima pagina che si riferisce alla nuova strategia varata – secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Reuters – per cominciare ad elargire il famoso reddito di cittadinanza alla popolazione italiana, uno dei perni sui quali il Movimento 5 Stelle ha incentrato la propria propaganda elettorale.

Se, infatti, le intenzioni iniziali del ministro del Lavoro e dello Sviluppo erano quelle di conferire a singoli individui disoccupati 780 euro mensili – salvo ritirare questo forma di ammortizzatore sociale dopo un eventuale triplo rifiuto di un lavoro proposto da un Centro per l’impiego -, Di Maio adesso si è reso conto che per lo Stato italiano sarebbe un esborso eccessivo, anche in base al rapporto deficit/Pil imposto dall’Unione Europea. Gli stessi Centri per l’impiego (che sostituiscono i centri di collocamento), cui solo il 3% di chi vi si rivolge trova lavoro, vanno ampiamente riformati.

In considerazione di ciò l’idea del ministro sarebbe quella di chiudere velocemente il tavolo aperto con le Regioni, che gestiscono i Centri, per dire che vi è un accordo su come riformarli e rispettare, almeno formalmente, la ‘scaletta’ indicata dal premier Giuseppe Conte nel suo discorso di insediamento. E avere così le mani libere per introdurre dal 2019 i primi sussidi al Sud o un ampliamento del Rei, il reddito di inclusione per i poveri voluto dal governo del Pd. Si potrebbe partire, spiega la fonte, da importi sotto i 500 euro mensili e da un ampliamento della platea del Rei dalle attuali 800.000 persone a 1,8 milioni.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più