Video. Cumana, folla di “portoghesi” ai tornelli: uno fa il biglietto e passano tutti

Napoli – Totò guarderebbe attonito ed esclamerebbe: “E io pago, e io pago”. E una cosa è certa, a pagare non saranno di certo coloro che usufruiscono del servizio a pagamento, o almeno non tutti. Perché tanto, alla fine chi dice niente? Chi controlla? Nessuno. E quindi via allo “scrocco”. Così, alla fermata di Torregaveta nell’area flegrea si viaggia gratis!

E’ questo quello che si vede nel video che ha già fatto il giro del web: una massa di persone in stile mare e armati di lettini e zainetti, che oltrepassano i tornelli per accedere alla stazione dei treni, senza biglietto. Tanto la tecnica è facile ed è sempre la stessa: un “civile” paga e fa il biglietto, i “trasgressori” dietro attendono che il fesso passi e prima che si chiuda il tornello ci infilano una mano o un braccio e il gioco è fatto, il varco si apre e via libera.

Una realtà che tutti conosciamo. A quanti di noi è capitato di assistere a queste scene? E come l’improvvisato videomaker che ha pubblicato il video, ci siamo fatti grasse risate o semplicemente abbiamo fatto finta di non vedere.

Ovviamente questo video ha scatenato tante critiche e molte polemiche, anche perché per l’ennesima volta si sporca l’immagine di Napoli.

Per tale motivo Umberto De Gregorio, presidente dell’Eav, amareggiato per le scene immortalate nel video ha “promesso” giustizia: “Dal punto di vista civico è una scena che fa ribrezzo. Abbiamo già inoltrato le immagini alle forze dell’ordine affinché possano intervenire nell’ individuazione degli scrocconi. Qui oltre all’evasione del biglietto per la quale è prevista una sanzione amministrativa ci sono anche profili di reato come l’istigazione a delinquere. Per esperienza, però, temo che alla fine non accadrà nulla“. 

Anche Francesco Emilio Borrelli, che ha poi condiviso il video sul suo profilo Facebook personale non è stato morbido verso questi civili: “E’ il segnale del profondo degrado che stiamo raggiungendo come collettività. Spiace vedere genitori che insegnano ai figli a viaggiare senza biglietto. Spiace sentire il divertimento di tutti nell’ assistere alla scena senza che nessuno si senta in dovere di comperare un biglietto. Abbiamo deciso di pubblicare il video per identificare gli “scrocconi” che con il loro comportamento non fanno altro che arrecare un danno rilevante all’azienda contribuendo così a rendere il trasporto pubblico sempre più problematico”.

Ecco il video:

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più