Se ricevete questo messaggio dalla Polizia Postale non apritelo: è una truffa

Una nuova truffa è in agguato per tutti i cittadini italiani. Anche se siamo in estate, gli hacker non vanno in vacanza ed escogitano metodi sempre nuovi per raggirare consumatori inconsapevoli.

L’ultimo tentativo di frode riguarda soprattutto i titolari di Bancoposta e Postepay di Poste Italiane, ma a essere colpiti sono stati anche alcuni utenti di altri istituti di credito. A mettere in guardia è proprio la Polizia Postale, che spiga come avviene la truffa.

Nella casella email o nei messaggi del telefono arriva un messaggio che contiene il messaggio: “La tua carta è stata BLOCCATA su richiesta della POLIZIA POSTALE”. Seguono poi dei link o l’invito a rispondere al messaggio, con lo scopo di ottenere nominativi, numeri di carta, password e quant’altro in modo tale che i ladri possano prosciugare il conto. Evitare di aprire i link e rispondere ai messaggi.

“Si cerca di dare una parvenza istituzionale a quello che è soltanto un tentativo di truffa”, commenta così la Polizia Postale sul canale ufficiale Facebook Commissariato di PS Online – Italia.

Poste Italiane, così come tutti gli istituti di credito, non utilizzano mai questi canali per tale tipo di comunicazione. I dati dell’utente non vengono mai chiesti, né tramite email, né tramite messaggi, né telefonicamente. È utile quindi stare in guardia e, in caso di dubbi, contattare la propria banca o recarsi presso gli sportelli della filiale.

Potrebbe anche interessarti