Villa di 4 piani confiscata alla camorra, diventa la “Cittadella del Pane”

Una bella iniziativa che verrà realizzata in un bene confiscato alla camorra. Nella struttura che si erge su quattro piani verrà realizzata la Cittadella del Pane ed è ubicata a San Sebastiano al Vesuvio.

Grazie ad un finanziamento pari un milione e 500mila euro stanziati dall’Unione Europee, dallo Stato Italiano e dalla Regione Campania e attinto dai fondi Por Campania Fesr, questo posto che in passato è stato luogo di attività malavitose, sarà destinato all’arte della panificazione.

La struttura sarà polivalente e prevederà oltre che laboratori per la lievitazione e l’impasto del pale anche aule per l’insegnamento, sale convegni, aree museali ed espositive, per la degustazione dei prodotti panificatori e dei prodotti locali e uno sportello per l’orientamento agli studi e al lavoro.

Il progetto nasce con l’intento di valorizzare un’eccellenza di San Sebastiano ” il suo pane “, partendo dalle sue origini per poi creare sinergie nuove e far conoscere tale prodotto anche all’estero; ma, lo scopo ultimo dell’iniziativa è molto ambizioso: creare “un’area di coesione sociale” attraverso la promozione di un sistema di reti, solidali e sostenibili.

Un progetto che vedrà il coinvolgimento di molti giovani creando così anche valide opportunità di lavoro.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più