La sicurezza prima di tutto: fermato ennesimo autobus

Carabinieri

Presso Quarto ennesimo blitz dei carabinieri per garantire una maggiore sicurezza agli studenti, nonchè alle scuole che svolgono gite scolastiche all’interno dei pullman. L’ultimo avvenimento di mancata sicurezza è avvenuto a Quarto: il pullman era colmo, passeggeri in piedi nel corridoio.

Le mamme sono state avvisate tramite telefonate effettuate dagli  studenti dell’elementari appartenenti alla scuola statale (“Paolo Borsellino”), le quali si sono attivate e sul posto sono sopraggiunti i carabinieri che sono corsi sul posto ed hanno fermato e sequestrato il pullman. Dall’analisi del pullman è uscito fuori che avesse gomme lisce e che avesse percorso un milione di chilometri dal 1987 ( anno di immatricolazione), oltretutto, sempre quanto sorto dall’analisi, l’automezzo era provvisto di regolamento di revisione periodico, nonchè di ammissione a circolare.

Gli accertamenti sono stati svolti dal capitano Elio Norino della Compagnia di Pozzuoli e dalla Motorizzazione civile di Napoli. A riguardo ha voluto pronunciarsi anche il dirigente scolastico della scuola a cui apparteneva la scolaresca, Franco Di Fraia, il quale ha detto: “Ci siamo rivolti alla ditta di trasporti di Pozzuoli con la quale abbiamo in essere un appalto, ma il pullman è stato fornito da una ditta di Caserta e ora abbiamo chiesto spiegazioni. Come sempre, per garantire massima sicurezza agli alunni e agli accompagnatori, ho inviato un fax al comando vigili per chiedere controlli prima della partenza. Non so come mai, nonostante ciò, il pullman sia partito lo stesso e sia stato fermato solo al ritorno, grazie all’intervento dei carabinieri. Ho chiesto spiegazioni anche al Comune di Quarto e ribadito, nel frattempo, la necessità di verificare la sicurezza dei bus prima delle partenze. Noi possiamo solo chiedere alla polizia locale di intervenire, il resto lo devono fare i vigili urbani”.

Potrebbe anche interessarti