Video. Donna intubata invasa da formiche, De Luca: “Difendiamo la dignità di Napoli”

Il video ha fatto il giro del web. Ma questa volta non c’è davvero niente di divertente o di commovente, ma solo tanta vergogna, degrado e disgusto. Nel video, girato da una donna scioccata e sconvolta da ciò che vedeva, si immortalano le pessime condizioni igieniche sanitari in cui era tenuta una paziente intubata all’Ospedale San Giovanni Bosco: la donna allettata era invasa, nel vero senso della parola, da formiche.

La donna che ha girato il video, Giovanna Caputo, che non ha nessun tipo di legame familiare con la donna sommersa dalle formiche, si è sentita di girare questo video affinché qualcuno intervenisse e mettesse fine a questo scempio. Una situazione, che come la donna ha commentato, si protrae ormai da diversi giorni, da tanto tempo: le formiche stanno dovunque e nessuno ha mai fatto niente. 

E come spesso succede, nessuno vede, nessuno sente, ma appena la vergogna e l’inciviltà balza su teatro della cronaca, vengono presi immediatamente i dovuti provvedimenti. Subito sono stati sospesi il medico e gli infermieri di turno quel giorno, scelta dovuta e a fini cautelativi, ma di certo le forze dell’ordine che si stanno occupando del caso approfondiranno la questione per scoprire tutta la verità e fermate tutti i responsabili di questo scempio.

Anche il Presidente Vincenzo De Luca, ha espresso il suo rammarico su questo episodio e assicurando il massimo rigore nelle indagini che seguiranno per fare chiarezza sull’accaduto. Poi ha aggiunto: “Proseguirà poi un lavoro di bonifica e riorganizzazione della sanità. É doveroso difendere la dignità di Napoli, delle tante realtà di eccellenza nazionale e del lavoro straordinario sul piano della dedizione e professionalità posto in essere da migliaia di medici, infermieri e dipendenti delle nostre strutture“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più