Rifiuti, dal 2019 nuovi impianti in Campania: ma si cerca lo sconto dell’Europa

impianto rifiuti
Immagine di repertorio

La questione rifiuti in Campania sarà risolta in maniera decisiva a partire dal 2019, con la nascita di diversi impianti di compostaggio. A dare l’annuncio è il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, come riporta Ansa: “Il 2109 sarà l’anno di avvio dei lavori per almeno di sei o sette impianti di compostaggio dei 15 che abbiamo previsto. Il piano va avanti e sono molto fiducioso anche in relazione alla multa dell’Unione Europea“. “Dobbiamo fare – ha continuato – una battaglia a viso aperto contro le imbecillità della demagogia, non è più possibile tollerare comitati, sottocomitati e controcomitati privi di qualunque ragione“.

Gli impianti di compostaggio potrebbero far storcere il naso a qualcuno, infatti, ma il presidente della Regione Campania è convinto che la strada da seguire sia questa: “Il compostaggio è un impianto di trattamento rifiuti a freddo, è il più ecologico che ci sia e quindi siccome abbiamo deciso di non fare altri termovalorizzaztori in Campania, dobbiamo intervenire sulla raccolta differenziata per arrivare al 60% e sugli impianti per la lavorazione dell’umido, che ancora oggi viene portato fuori regione pagando 190 euro a tonnellata, un costo che si scarica sulle bollette delle famiglie“.

Le parole di De Luca arrivano in vista della missione che il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, compirà oggi a Bruxelles, dove chiederà di rimodulare la maxi multa da 122mila euro al giorno proprio per i rifiuti in Campania. “Porteremo al commissario Vella atti concreti firmati e sono fiducioso che potremo andare in Corte di Giustizia per una riduzione della multa per i rifiuti della Campania. Il dibattito sulle infrazioni ambientali è estremamente importante. Non dimentichiamo i 122.000 euro al giorno che paghiamo. Diremo a Vella che stiamo facendo degli atti concreti, porteremo accordi di programma firmati e impegni precisi per ottenere dei risultati“, ha detto Costa a margine della Conferenza Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile a Napoli.

Gli “atti” annunciati dal ministro dovrebbero quindi convincere la Commissione europea a dare fiducia all’Italia, cercando non solo ad un forte sconto sulla “multa”, ma anche di avviare un meccanismo che porterà la questione davanti alla Corte di Giustizia.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più