Sorbillo, un fiume di gente alla riapertura: “Questa città non si piange addosso”

Un fiume di gente si è riversato in via dei Tribunali per abbracciare Gino Sorbillo e partecipare alla riapertura della sua pizzeria, dopo l’attentato camorristico subito la scorsa settimana.

Presenti tanti cittadini, ma anche molte istituzioni, come i vertici regionali dell’Arma dei carabinieri: “La loro visita è stata un grande piacere – dichiara Sorbillo, come riportato in un comunicato dei Verdi -. Hanno avuto modo di salutare lo staff, facendo sentire loro la vicinanza dello Stato. Siamo stati molto contenti della loro presenza. Allo stesso modo abbiamo ricevuto tanto affetto dai napoletani che sono passati a salutarci. Questa è una città che reagisce e non si piange addosso, le istituzioni e le forze dell’ordine garantiranno la loro presenza. Occorre impegnarsi al massimo per sconfiggere la malavita e denunciare ogni fenomeno avverso alla legge”.

Della stessa idea anche il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli: “Per sconfiggere la camorra bisogna denunciare. Gino Sorbillo ha dimostrato ancora una volta di essere uno dei simboli nella lotta alla criminalità. Riaprire a pochi giorni dall’attentato è un segnale di forza e determinazione. La visita dei vertici dell’Arma è una testimonianza fondamentale della presenza dello Stato sul territorio. Lo spirito antiracket si sta risvegliando – conclude Borrelli -, la tutela deve essere riconosciuta a tutti i commercianti colpiti dalla malavita”.

Le foto di Francesco Emilio Borrelli

Il video di Francesco Emilio Borrelli

Potrebbe anche interessarti