Napoli. Tenta di stuprare una donna, Salvini: “Questo schifoso tornerà in Nigeria”

Il ministro degli Interni Matteo Salvini, in una diretta Facebook ha raccontato di un episodio vergognoso che è avvenuto ieri in tarda serata a Napoli: “Un nigeriano che aveva ricevuto protezione umanitaria ha provato a stuprare una donna; non scappava dalla guerra, la guerra ce l’ha portata a Napoli”. Così ha commentato il ministro quando è venuto a conoscenza della triste vicenda, per fortuna conclusasi senza nessun danno fisico alla donna, come sottolinea Salvini: “Solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine questa donna si è salvata”.

Infatti il nigeriano di 41 anni, aveva tentato di trascinare con la forza una donna nei pressi si Piazza Garibaldi, dopo averla palpeggiata con violenza. Per fortuna una pattuglia presente sul luogo sentendo le urla, si è insospettita e si è precipitata sul punto preciso in cui il nigeriano con insistenza tratteneva la donna. Alla vista degli agenti, l’uomo ha scaraventato la donna a terra tentando una fuga, vana e inutile. Perchè non solo è stato preso dalle forze dell’ordine, ma ha rischiato anche un linciaggio della folla, inferocita appena si è accorta di quello che l’uomo aveva intenzione di fare. Dopo essere stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale, è stato portato a Poggioreale.

Il nigeriano si trova in Italia dal 2008 e da anni cerca di ottenere protezione internazionale, ma dopo questa tentata violenza le sue possibilità di restare in Italia sono pari a zero, come Salvini ha chiosato: “Questo schifoso era qui a spese degli italiani e ha provato a stuprare un’italiana. Lavorerò perchè sia messo su un aereo solo andata in direzione Nigeria. Non ritengo utile riempirci di altri delinquenti che arrivano da altre parti del mondo”

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più