Sergio De Simone, bimbo napoletano cavia umana a 7 anni nei lager dei nazisti

Sergio De Simone, sette anni appena, è stato un deportato napoletano di religione ebraica e vittima dell’Olocausto.

Nacque a Napoli il 29 novembre 1937 nel quartiere Vomero, da Eduardo De Simone, cattolico e sottufficiale nella Marina Militare Italiana e da Gisella Perlow, di origine ebraica, nata a Vidrinka in Russia. Dopo il matrimonio la coppia si stabilì a Napoli.

Con il marito lontano, la donna decise di ritornare a Fiume, sua città d’origine quando il 21 marzo 1944 i tedeschi arrestarono 8 componenti della famiglia inclusi Gisella, il piccolo Sergio (6 anni), e le cuginette Andra e Tatiana Bucci di 6 e 4 anni. Condotto ad Auschwitz Sergio fu l’unico italiano tra 20 bambini selezionato come cavia umana per gli esperimenti del Kurt Heissmeyer. Furono messi a disposizione del medico nel campo di concentramento di Neuengamme per esperimenti sulla tubercolosi. 

Al termine di questi studi tutti i 20 bambini e i loro accompagnatori furono uccisi nei sotterranei della scuola amburghese di Bullenhuser Damm.

In cosa consistevano questi esperimenti?

Ai bambini furono inoculati i bacilli tubercolari, causando così la rapida diffusione della malattia. In seguito i bambini ammalati e febbricitanti, vennero operati per asportare loro i linfonodi che secondo le teorie del medico avrebbero dovuto produrre gli anticorpi contro la malattia.

Il dottor Kurt Heissmeyer fece incidere la pelle sul torace di 11 bambini, sotto l’ascella destra, con tagli a X, lunghi da tre a quattro centimetri per introdurre con una spatola i bacilli della tubercolosi. Questo è testimoniato anche da una foto, nella quale compare anche il piccolo Sergio. Gli esiti dell’esperimento furono negativi: le ghiandole linfatiche asportate non avevano generato nessun anticorpo.

Gli alleati erano alle porte e così i nazisti si posero il problema di cosa farne di questi bambini, a Sergio e agli altri fu iniettata una dose di morfina e furono impiccati alle pareti di una stanza della scuola. Era il 20 aprile 1945. I cadaveri furono riportati nel campo di concentramento di Neuengamme e lì cremati.

Per non dimenticare…

Fonte:

Biografia di Sergio De Simone, a cura dell’Associazione I Bambini di Bullenhuser Damm

Lapide a Sergio De Simone nel Cimitero di guerra italiano di Amburgo

Potrebbe anche interessarti