Sconcerti ai napoletani: “Arbitri? Smettetela! Sembra che il mondo ce l’abbia con voi”

Mario SconcertiMario Sconcerti, giornalista e opinionista televisivo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione radiofonica “Marte Sport Live”, rilasciando alcune sue personali considerazione sulle “vicende” calcistiche del Napoli.

In particolare, prima di entrare nella discussione tecnica, ha voluto quasi dare un consiglio al Napoli e ai suoi tifosi, condannando quello che agli occhi del giornalista sembra un atteggiamento vittimistico, soprattutto dei tifosi, sempre pronti a criticare la direzione di gara dell’arbitro: Più continuate a parlare di arbitri, più irritate il singolo arbitro. Sapete come funziona? Quando gli arbitri si ritrovano, magari, parlano di quanto rompono i coglioni i napoletani.  La vecchia regola, a cui molti si attengono, è quella di non giudicare mai gli arbitri. Voi napoletani avete fatto degli arbitri il simbolo delle vostre non vittorie. Sembra quasi che qualcuno vi voglia togliere la possibilità di vincere, ma non è così. La volete smettere o no? Sembra che il mondo ce l’abbia con voi”.

Ma dopo il severo rimprovero ha voluto specificare che: Adoro Napoli, ma cerco di scuotervi quando siete chiaramente in errore. Gli arbitri si detestano uno con l’altro. Dovete acquistare competenza, studiare la propria materia. Per lanciare accuse, bisogna essere competenti”.

Ha terminato il suo intervento esaltando le buone qualità tecniche del Napoli, che potrà regalare ancora emozioni al suo pubblico:“L’Europa League? Il Napoli è la squadra della competizione che ha fatto meglio in Champions, motivo per cui la indico come favorita. Napoli meglio di Chelsea e Arsenal? Si, io credo che la seconda del campionato italiano sia più forte della quinta in classifica della Premier. In una partita singola, come la finale ad esempio, può succedere di tutto”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più