Foto hot di Giulia Sarti, la mamma di Tiziana Cantone: “E’ una piaga sociale”


Il tema del cosiddetto “revenge porn” è particolarmente complesso. In Italia, a livello legislativo, si è fatto poco o nulla per contrastare questo fenomeno, come dimostra il caso di Tiziana Cantone. La ragazza, a seguito della pubblicazione di alcuni video che la riprendevano in atti sessuali, si è tolta la vita nel 2016. Tiziana fu vittima di una gogna mediatica a dir poco vergognosa. Fu uno dei molteplici motivi che la portarono a compiere l’estremo gesto. Recentemente, si è tornato a discutere del tema “revenge porn” per la vicenda che vede protagonista Giulia Sarti. Da diversi giorni, infatti, circolano immagini che ritraggono l’esponente grillina nuda, oltre ad un video che la vedrebbe protagonista.

Una vicenda che ricorda molto quella di Tiziana Cantone. A parlarne, intervistata da Adkronos, è stata proprio la mamma di Tiziana, Maria Teresa Giglio: “È diventata una vera piaga sociale – spiega – ormai non passa giorno che questi odiatori da tastiera non si rendano protagonisti di offese, di calunnie in particolare contro le donne. Purtroppo alle nostre latitudini viviamo ancora una cultura giudicante, piena di sessismo e di maschilismo e la vergogna che le donne sono costrette a provare è indotta da una cultura retrograda“.

Sulla Sarti, invece, afferma: “Mi dispiace tantissimo che le sia capitato questo, ma magari, essendo una parlamentare, quanto accaduto può diventare un input per legiferare e intervenire finalmente su questo fenomeno“. Ed è proprio questo il punto. All’epoca del suicidio di Tiziana Cantone, nulla è stato fatto in merito a questa vergognosa pratica. Adesso, però, la vittima di questo ennesimo episodio di “revenge porn” è un personaggio politico piuttosto influente come Giulia Sarti. Ora che il Parlamento è stato colpito nel profondo, si riuscirà a promulgare una legge che punisca questa odiosa pratica?

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più